Traducendo nella ‘favella toscana’ il termine ‘home’ dovremmo poter ricevere un caldo benvenuto, infatti questo è il significato specifico della parola ‘home’- in quanto ‘focolare, calore, cuore’che si differenzia da ‘house’che definisce  un edificio e la sua funzione-, un’indicazione quindi di identità e di riconoscibilità sia rispetto al vicinato sia nei confronti di tutti coloro che si avvicinano  ad un luogo tanto presente nella ‘passeggiata nord-sud’ che porta visitatori, turisti, curiosi alla  scoperta della città e dei suoi segreti.
Santa Felicita: un nome, un suono, un augurio! E’ vero che secondo l’uso fiorentino Felicita – come Trinita -  mette l’accento sulla penultima sillaba e così in vece di “felicità” incontriamo una santa madre che sacrifica i figli per amor di Dio. Tuttavia il significato della parola resta e ci augura il BENVENUTO!!! La posizione stessa di questa antichissima chiesa apre la porta non solo a Firenze, ma anche all’accoglienza a tutti e per tutti. Lievemente sollevata rispetto all’altra riva dell’Arno, è sempre riuscita a sopravvivere a tutte le vicissitudini che hanno travagliato duemila anni di storia per continuare a porgere il suo messaggio di ‘porta aperta’ posta vicino al Ponte Vecchio che introduce alla città e permette di farne conoscenza Una chiesa vicino ad un ponte ci ricorda che la sua funzione  è quella di “pontefice”  ovvero  chi costruisce ponti per collegare rive opposte: a nord la comunità di San Lorenzo di rito latino, a sud quella di Santa Felicita di origine siriana.
Accettiamo dunque l’invito ed entriamo in questa casa di Dio  ricevuti dalle braccia aperte di una madre.
Lo spazio che ci accoglie è il risultato di generazioni e di selezioni.  Il luogo di culto nasce come esigenza di un gruppo di persone, da cui il suo nome “chiesa” - dal latino “ecclesia” che significa comunità, assemblea, riunione; è vero che ci si può isolare anche in luoghi deserti a pregare, ma ciò non costituisce una “chiesa”: “… se due o tre si riuniscono per invocare il mio nome, io sono in mezzo a loro …” Matteo (18-18-20) queste le parole che Gesù ci lascia come amorevole indicazione dell’importanza della comunione delle anime e delle intenzioni per costruire la “città di Dio” anche su questa terra per seguire l’esempio di Colui che si è “incarnato e fatto uomo” per salvarci.
Allora che cosa possiamo aspettarci dalla nostra parrocchia?
Come indica l’intestazione del nostro sito è possibile entrare nei seguenti capitoli:

Noi usiamo i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione per le operazioni essenziali sul sito. Chiudendo questo messaggio accetti le nostre condizioni. We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site. Closing this message you accept to use cookies from website. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information